Christie Brinkley

Christie Brinkley, nata Christie Lee Hudson (Monroe, 2 febbraio 1954), è una supermodella statunitense. Celebre principalmente negli anni settanta e ottanta per le sue molteplici copertine su Sports Illustrated Swimsuit Issue, la Brinkley ha anche lavorato come attrice, illustratrice, fotografa, scrittrice e stilista, ed è molto attiva nel campo dei diritti umani, dei diritti degli animali e dell’ambientalismo. Ha un patrimonio di circa 80 milioni di dollari.
Scoperta nel 1973 dal fotografo statunitense Errol Sawyer a Parigi,dove stava studiando arte Christie Brinkley ottiene un contratto con l’agenzia di moda Elite Model Management, grazie al quale ha la possibilità di apparire in alcune campagne pubblicitarie internazionali.. Dopo essere apparsa numerose volte sulla copertina della rivista Glamour, la Brinkley ottiene un contratto ventennale con l’azienda di cosmetici CoverGirl. La modella inoltre ottiene tre volte consecutive la copertina di Sports Illustrated Swimsuit Issue (1979, 1980 e 1981), compare sulla prima edizione del calendario della rivista e nel 2005 appare sul numero celebrativo Sports Illustrated 40th Anniversary Issue’s Hall of Fame.

Oltre che su Sports Illustrated, Christie Brinkley è apparsa sulla copertina di oltre 500 riviste, incluse US, Vogue, Newsweek, Rolling Stone, Esquire, Harper’s Bazaar, Cosmopolitan, e LIFE. È inoltre stata la testimonial di Chanel No. 19, Prell, MasterCard, Breck, Diet Coke, Anheuser-Busch, Got Milk?, Healthy Choice, Max Factor, Nissan, Noxema, Revlon, Clairol, Borghese Cosmetics, Danskin, Nu Skin, Yardley of London, Halston, Vogue Patterns, Gottex e Black Velvet, fra gli altri. Nel 1998 Playboy ha nominato la Brinkley come una delle 100 donne più sexy del ventesimo secolo. Nel 2011 recita e canta nel musical Chicago, per cui vince il Broadway Beacon Award.

Christie ha anche un sito ufficiale, piuttosto ben fatto e anche ricco di fotografie.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.